le olive di categoria superiore, Ogliarola garganica, Coratina, Peranzana Oleificio Contrada Astregana: da oltre un secolo produciamo olio extravergine di oliva di categoria superiore estratto a freddo


Azienda



L’Azienda Agricola Contrada Astregana si estende su di una superficie di 18 ettari nel cuore del Parco Nazionale del Gargano.
La distesa di uliveti secolari sorge ai piedi del promontorio nella piana di Macchia, località, compresa tra i comuni di Manfredonia e Monte Sant'Angelo in provincia di Foggia, unica per le sue peculiari caratteristiche climatiche.

L'incontro tra il mite e verde Adriatico che lambisce la costa e le dolci giogaie del promontorio garganico regala infatti, a questa terra, un clima mite e asciutto per gran parte dell'anno, habitat ideale per la coltura degli uliveti.

L'azienda olivicola nasce nel lontano 1850 per mano di Matteo Ciuffreda e, da allora, sono ben tre le generazioni della famiglia Ciuffreda che si sono dedicate e appassionate alla coltura dell'oliveto. Nel corso degli anni si sono tramandati di padre in figlio le tecniche di coltivazione e i miglioramenti colturali, l'esperienza nella molitura ed estrazione dell'olio, scoprendo e rinnovando ogni giorno la passione e il rispetto per una pianta straordinaria e secolare come l'ulivo.




Attualmente, l'azienda e il frantoio sono diretti dal dott. agronomo Mario Ciuffreda che, alla passione e all'esperienza maturata con il padre Giuseppe, unisce la professionalità, la ricerca e lo studio di tecniche agronomiche, colturali ed estrattive che hanno reso l'Olio ExtraVergine d'oliva Azienda Agricola Contrada Astregana unico per le sue caratteristiche organolettiche, dal gusto di fruttato intenso e dalla sapidità dolce al palato. Un olio che unisce al sapore deciso una bassa concentrazione di acidità e per questo un'alta digeribilità, che lo rende un condimento ideale sia crudo che cotto.


torna su



Il frantoio, dotato delle più moderne innovazioni tecnico-impiantistiche, è situato all'interno del complesso aziendale ed unisce in sé il meglio della lavorazione tradizionale e della tecnologia alimentare.
Per conservare inalterate le caratteristiche organolettiche e nutritive del frutto, le olive sono lavorate immediatamente dopo la raccolta e comunque non oltre le 24 ore dalla stessa. La trasformazione avviene mediante il sistema tradizionale a pressione con estrazione a freddo.

Tale metodologia di lavorazione naturale è poco invasiva e permette di mantenere intatti gli eccellenti principi nutrizionali delle olive.





L'utilizzo, inoltre, delle molazze in pietra di granito per la frangitura, garantisce un olio di qualità eccezionale che conserva integre anche le componenti più delicate e fragili del frutto.



Tutte le fasi della filiera produttiva, dalla raccolta all’imbottigliamento, sono realizzate secondo standard qualitativi d'eccellenza, che permettono all'Olio Extra Vergine d'oliva Azienda Agricola Contrada Astregana di arrivare al consumatore finale esattamente com'è, genuino e naturale, al momento della premitura.


torna su





Originariamente l'oliveto era composto solo da maestose piante secolari, circa mille, che dominavano con la loro straordinaria magnificenza la piana. Come abili danzatori, i tronchi solenni di queste piante incantano ancor oggi gli sguardi con forme e geometrie d'incredibile e rara bellezza.
È solo nell'immediato dopoguerra che a queste si sono unite nuove piantagioni per meglio rispondere alla razionalità della coltivazione e delle tecniche agronomiche.
Oggi l'uliveto conta circa 3000 ulivi appartenenti a tre pregiate varietà, Ogliarola garganica o Nostrale per il 70%, Coratina per il 20%, Peranzana o Provenzale per il restante 10%.




La raccolta delle olive avviene sempre preservando le peculiari caratteristiche della pianta d'ulivo. Infatti, grazie alle tecniche di brucatura e pettinatura a mano e all'ausilio degli abbacchiatori ad aria compressa, il frutto è raccolto secondo un'attenta selezione di qualità, preservandone l'integrità e garantendo per questo un olio dalle caratteristiche organolettiche superiori.


torna su